Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per funzionalità e servizi. Leggi l'informativa per saperne di più o negare il consenso ai cookie. Chiudendo questo banner o comunque proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie.

«Avvicinandovi a lui, pietra viva, rifiutata dagli uomini ma scelta e preziosa davanti a Dio, quali pietre vive siete costruiti anche voi come edificio spirituale, per un sacerdozio santo e per offrire sacrifici spirituali graditi a Dio, mediante Gesù Cristo» (Prima Lettera di san Pietro 2,4-5).

27 ottobre 2006: in un'assemblea parrocchiale il Consiglio Pastorale si confronta con la Comunità sulle esigenze pastorali, anche in vista della costruzione di un centro parrocchiale.

21 marzo 2007: in un'assemblea parrocchiale il Consiglio Pastorale si confronta con la Comunità sulla possibilità di costruire una nuova chiesa oltre al centro parrocchiale.

17 aprile 2007: in un'assemblea parrocchiale il Consiglio Pastorale illustra i motivi per svolgere un referendum sulla costruzione di una nuova chiesa [qui in pdf] e presenta tre progetti.

21 aprile – 1 maggio 2007: in un referendum popolare (che vede la partecipazione di 1.140 votanti) il quesito “Vuoi costruire una nuova chiesa, dove ora sorge l’attuale?” ottiene il 78,77% di SI.

3 maggio 2007: in un'assemblea parrocchiale vengono esposti i risultati del referendum e ci si confronta sui tre progetti per le nuove costruzioni.

Settembre 2007: viene comunicato [qui in pdf] che la commissione di tecnici incaricati dalla CEI si è espressa a favore del progetto n. 1 proposto dallo Studio Archingegno degli architetti Pontiroli e Ferrari.

16 gennaio 2008: si insedia il “Comitato per le opere parrocchiali”, composto da dieci persone e finalizzato a seguire l'iter delle nuove costruzioni.

19 Maggio 2008: la Commissione Arte Sacra della Curia diocesana esprime parere favorevole nei confronti del progetto presentato dallo Studio Archingegno.

18 dicembre 2008: la Parrocchia acquista dal Comune il terreno comprensivo della chiesa e degli edifici esistenti.

2009: si svolge il concorso per l'apparato iconografico della nuova chiesa e ne risultano vincitori gli artisti padre Tito Amodei, Gabriella Furlani, Hermann Josef Runggaldier, Giuliano Gaigher.

10 settembre 2009: la Curia Diocesana comunica che, a causa del momento di generale difficoltà economico-finanziaria, si è manifestata una contrazione dei fondi disponibili e ciò comporta il procrastinamento dei programmati interventi per la nuova edilizia di culto [qui in pdf].

2010-2013: prosegue l'iter burocratico presso Diocesi e CEI.

Settembre 2014: avviene l'approvazione definitiva del progetto esecutivo delle nuove costruzioni ed il contestuale stanziamento dei fondi CEI.

10 settembre 2014: il primo stralcio dei lavori è appaltato mediante gara pubblica, per l'importo del finanziamento regionale a mezzo A.T.E.R. di Verona.

28 novembre 2014: in un'assemblea parrocchiale sono illustrati il progetto definitivo delle nuove costruzioni, tempi e avvio del cantiere, piano finanziario alla presenza del Progettista arch. Pontiroli, del R.U.P. arch. Pisani e del Direttore Lavori ing. Albertini.

6 marzo 2015: ha inizio il cantiere.

27-28 dicembre 2016: viene demolita la chiesa risalente al 1939.

2018: è prevista la conclusione dei lavori.

«Avvicinandovi a lui, pietra viva, rifiutata dagli uomini ma scelta e preziosa davanti a Dio, quali pietre vive siete costruiti anche voi come edificio spirituale, per un sacerdozio santo e per offrire sacrifici spirituali graditi a Dio, mediante Gesù Cristo» (Prima Lettera di san Pietro 2,4-5).

27 ottobre 2006: in un'assemblea parrocchiale il Consiglio Pastorale si confronta con la Comunità sulle esigenze pastorali, anche in vista della costruzione di un centro parrocchiale.

21 marzo 2007: in un'assemblea parrocchiale il Consiglio Pastorale si confronta con la Comunità sulla possibilità di costruire una nuova chiesa oltre al centro parrocchiale.

17 aprile 2007: in un'assemblea parrocchiale il Consiglio Pastorale illustra i motivi per svolgere un referendum sulla costruzione di una nuova chiesa [qui in pdf] e presenta tre progetti.

21 aprile – 1 maggio 2007: in un referendum popolare (che vede la partecipazione di 1.140 votanti) il quesito “Vuoi costruire una nuova chiesa, dove ora sorge l’attuale?” ottiene il 78,77% di SI.

3 maggio 2007: in un'assemblea parrocchiale vengono esposti i risultati del referendum e ci si confronta sui tre progetti per le nuove costruzioni.

Settembre 2007: viene comunicato [qui in pdf] che la commissione di tecnici incaricati dalla CEI si è espressa a favore del progetto n. 1 proposto dallo Studio Archingegno degli architetti Pontiroli e Ferrari.

16 gennaio 2008: si insedia il “Comitato per le opere parrocchiali”, composto da dieci persone e finalizzato a seguire l'iter delle nuove costruzioni.

19 Maggio 2008: la Commissione Arte Sacra della Curia diocesana esprime parere favorevole nei confronti del progetto presentato dallo Studio Archingegno.

18 dicembre 2008: la Parrocchia acquista dal Comune il terreno comprensivo della chiesa e degli edifici esistenti.

2009: si svolge il concorso per l'apparato iconografico della nuova chiesa e ne risultano vincitori gli artisti padre Tito Amodei, Gabriella Furlani, Hermann Josef Runggaldier, Giuliano Gaigher.

10 settembre 2009: la Curia Diocesana comunica che, a causa del momento di generale difficoltà economico-finanziaria, si è manifestata una contrazione dei fondi disponibili e ciò comporta il procrastinamento dei programmati interventi per la nuova edilizia di culto [qui in pdf].

2010-2013: prosegue l'iter burocratico presso Diocesi e CEI.

Settembre 2014: avviene l'approvazione definitiva del progetto esecutivo delle nuove costruzioni ed il contestuale stanziamento dei fondi CEI.

10 settembre 2014: il primo stralcio dei lavori è appaltato mediante gara pubblica, per l'importo del finanziamento regionale a mezzo A.T.E.R. di Verona.

28 novembre 2014: in un'assemblea parrocchiale sono illustrati il progetto definitivo delle nuove costruzioni, tempi e avvio del cantiere, piano finanziario alla presenza del Progettista arch. Pontiroli, del R.U.P. arch. Pisani e del Direttore Lavori ing. Albertini.

6 marzo 2015: ha inizio il cantiere.

27-28 dicembre 2016: viene demolita la chiesa risalente al 1939.

2018: è prevista la conclusione dei lavori.

Il progetto

IL PROGETTO

Il progetto è stato elaborato dallo Studio Archingegno degli architetti Pontiroli e Ferrari
[Qui] puoi scaricare il progetto in pdf.

Modalità di finanziamento

MODALITÀ DI FINANZIAMENTO

Il costo dei lavori è di circa € 3.900.000 (3,9 milioni di cui 2,2 per la chiesa e 1,7 per il centro parrocchiale), a cui aggiungere spese varie (arredi, tasse ecc.) per un totale di circa € 4.700.000 (4,7 milioni).

Siamo in continua ricerca di contributi istituzionali. Finora ci sono stati garantiti:
● € 150.000 dalla Fondazione Cariverona;
● € 500.000 dalla Regione Veneto per mezzo dell'A.T.E.R.;
● € 3.000.000 circa dalla CEI (Conferenza Episcopale Italiana).

La Parrocchia deve sostenere le spese correnti in attesa di tali contributi, al netto dei quali resterà comunque da pagare circa € 1 milione: tale somma dovrà essere coperta con un mutuo bancario (rate mensili di circa € 5.000).

Consapevoli di dover far fronte a questi costi, stiamo risparmiando quanto possibile. Ovviamente ciò NON intaccherà le attività di pastorale e di carità, che la Parrocchia continuerà a portare avanti come ha fatto finora.

Per coprire le spese, elenchiamo alcune possibili modalità di finanziamento lasciate alla libertà e disponibilità di ciascuno.
[Qui] puoi scaricare il pdf riassuntivo.

Offerte domenicali e raccolte periodiche
Chi desidera potrebbe impegnarsi a sostenere la Parrocchia raddoppiando la propria offerta domenicale (es.: da 0,50 a 1 euro).
In particolari occasioni, comunque, si svolgerà una raccolta straordinaria di offerte e buste specifiche per i nuovi edifici.

Donazioni di denaro
Si può donare alla Parrocchia una somma di denaro (anche di piccolo importo), versandola in contanti (in canonica) o con bonifico*.
Se si desidera la ricevuta “scaricabile” dalla dichiarazione dei redditi, per ragioni fiscali è necessario accordarsi in canonica prima del versamento (che dovrà poi essere effettuato con bonifico).

Prestiti senza interessi
Si può elargire alla Parrocchia un prestito (anche di piccolo importo), versandolo in contanti (in canonica) o con bonifico bancario* (avvisando in canonica). Il prestito viene registrato, con rilascio di ricevuta.
In qualsiasi momento, presentando la ricevuta, si potrà chiedere la restituzione del prestito senza alcun tasso di interesse.
Tali prestiti permettono alla Parrocchia di far fronte alle spese correnti evitando di ricorrere alle banche con costosi tassi di interesse.

* Per versamenti su conto corrente apposito
Beneficiario: Parrocchia Beata Vergine Maria Codice
IBAN: IT 95 B 05034 11718 000000000507
c.c. Banca Popolare di Verona – Filiale di Verona agenzia n. 22

5 per mille
La Parrocchia si è accordata con il Circolo NOI “Borgonuovo” che darà contributi del “5 per mille”. Nella dichiarazione dei redditi è sufficiente indicare, nell'apposito spazio, il codice fiscale 93250050239

Donazioni di beni
Si può cedere subito alla Parrocchia la proprietà di beni immobili/mobili. L'atto deve essere redatto davanti a un notaio e accettato dalla Parrocchia: perciò è necessario parlarne prima in canonica.

Lasciti testamentari
Per chi volesse lasciare alla Parrocchia i propri beni dopo la morte, ecco qui un modello per un corretto testamento, che per la sua validità deve essere interamente scritto A MANO dal testatore.

Io sottoscritto/a [Nome Cognome] nato/a a [Comune (Provincia)] il [giorno/mese/anno] dispongo quanto segue.

Se si vuole lasciare soltanto qualche bene
a) In caso di beni mobili:
Lascio alla Parrocchia veronese di Borgonuovo (Beata Vergine Maria in Dall'Oca Bianca), a titolo di legato, la somma di euro ... [oppure titoli, libretti postali, ecc.].
b) In caso di beni immobili:
Lascio alla Parrocchia veronese di Borgonuovo (Beata Vergine Maria in Dall'Oca Bianca), a titolo di legato, l’immobile sito in [Via..., n. ... – Comune (Provincia)].

Se si vuole lasciare ogni bene
Annullando ogni mia precedente disposizione testamentaria, nomino mio erede universale la Parrocchia veronese di Borgonuovo (Beata Vergine Maria in Dall'Oca Bianca), lasciando a essa tutto quanto mi appartiene a qualsiasi titolo.

[Luogo, giorno/mese/anno] [Firma per esteso e leggibile]

Foto dei lavori

FOTO DELL'AVANZAMENTO DEI LAVORI

Il cantiere per i nuovi edifici parrocchiali è iniziato il 6 marzo 2015. I lavori proseguono e le foto qui riportate ne illustrano il progressivo avanzamento.
[Qui] trovi le foto dell'avanzamento lavori.